14 maggio 2013

Atletica, governo sblocchi i fondi

«In questi cinque anni al governo della città ci siamo impegnati per valorizzare e rilanciare lo sport. E oggi, prima del termine del mandato, rivolgo un ulteriore appello, affinché vengano sbloccati i fondi destinati alla ristrutturazione delle piste di atletica leggera presenti negli impianti capitolini, sottraendoli ai vincoli del Patto di stabilità interno imposto dal Governo Monti. Mi riferisco alle risorse inserite nel piano investimenti e destinate al completamento dei lavori dello Stadio Terme di Caracalla-Nando Martellini, dello Stadio Delle Aquile-Paolo Rosi e dello Stadio Stella Polare-Pasquale Giannattasio di Ostia. Nel 2008, al momento del nostro insediamento, abbiamo ereditato una situazione sconcertante: le strutture sportive versavano in stato di totale dissesto. Ci siamo messi a lavoro e in collaborazione con la Federazione Italiana di Atletica Leggera abbiamo attenuto i primi risultati, garantendo all’esercizio di questa disciplina quel passo in avanti che mancava da oltre vent’anni. Per il progetto, dedicato al rifacimento delle piste del Paolo Rosi e del Nando Martellini e alla ristrutturazione degli spogliatori del Pasquale Giannattasio, l’Amministrazione ha investito 1.300.000 euro. Per il Paolo Rosi e la Stella Polare abbiamo già realizzato un nuovo sistema di illuminazione, ovvero delle torri-faro, che nell’impianto di Ostia permettono lo svolgimento degli allenamenti anche di sera, e non solo per l’atletica, ma anche per il calcio e il football. Presso il Paolo Rosi abbiamo anche effettuato il rifacimento del “pistino”, mentre presso il Nando Martellini la ristrutturazione degli spogliatoi. Tutti interventi che fanno parte di un ampio progetto di rilancio dell’atletica leggera nella nostra città che potrà essere ultimato solo quando saranno sbloccati i fondi. Sono intanto partiti i lavori presso l’area del “Tre fontane” all’Eur, consegnata al CIP, per la realizzazione, tra le varie opere, di una pista di atletica leggera aperta a tutti gli atleti, che ritornerà così finalmente in quel territorio». Lo dichiara in una nota il delegato alle Politiche Sportive di Roma Capitale Alessandro Cochi.