23 aprile 2013

Banco Roma Basket

Emozionante e partecipatissima premiazione per il trentennale dello scudetto del Banco Roma Basket proprio oggi nel Natale di Roma, arricchito da una importantissima ed entusiasmante vittoria tra le mura amiche presso il Palazzetto dello Sport di Viale Tiziano. Roma. 19 Aprile 1983: nel catino del PalaEur strapieno per l’ occasione l’allora Banco Roma del coach Valerio Bianchini diventava Campione d’Italia, battendo la Billy Milano 97-83 nella gara dei playoff al termine di una cavalcata indimenticabile per tutti i tifosi capitolini. A trent’anni di distanza dalla conquista dello storico scudetto, l’Acea Virtus Roma e il Comitato Regionale Fip Lazio, con la partecipazione di Roma Capitale, hanno voluto ricordare la vittoria del tricolore premiando i protagonisti romani del Banco Roma in occasione della gara interna tra Virtus e Enel Brindisi, che tra diversi capovolgimenti di fronte ha visto prevalere, tra l’ entusiasmo generale i ragazzi del coach Calvani.

Il presidente del Comitato Regionale Fip Lazio Francesco Martini, il capitano Gigi Datome, la bandiera della Virtus Alessandro Tonolli hanno consegnato una targa commemorativa ai protagonisti della trionfale stagione 1982/83 Enrico Gilardi, Fulvio Polesello, Stefano Sbarra, Roberto Castellano, Massimo Prosperi, Tullio Sacripanti, Valerio Bianchini, Paolo Di Fonzo ed Eliseo Timò. Il delegato alle Politiche Sportive di Roma Capitale Alessandro Cochi ha consegnato invece due targhe rispettivamente all’allora dirigente del Banco Roma Giuliano Mecozzi e all’attuale presidente dell’Acea Virtus Roma Claudio Toti. Il tutto con l’ovazione del Palazzetto in piedi, e striscioni dedicati ai ragazzi degli anni Ottanta, da parte della calda curva della Virtus, dove i campioni di ieri hanno salutato così come usano fare gli attuali giocatori dopo ogni gara, mentre sullo schermo venivano proiettati le immagini da brivido di allora.

Bellissimo sapere che erano presenti le giovanili di diverse squadre romane, coordinate dall’organizzazione sportiva giovanile Eurobasket, che conserveranno insieme le emozioni dei giocatori di ieri, e quelli di oggi proiettati nelle fasi finali, proprio con il coinvolgimento e l’entusiasmo di un tempo. Una giornata da non dimenticare che promuove la pratica e la cultura del basket sempre molto seguito a Roma, in Italia come nel Mondo.